16 marzo 2018 Comments are off admin

Radio Radicale: Intervista a Nicola Ciracì sul Forum “L’Africa e la cooperazione Sud – Sud”

https://www.radioradicale.it/scheda/536064/intervista-a-nicola-ciraci-sul-forum-lafrica-e-la-cooperazione-sud-sudhttps://www.radioradicale.it/scheda/536064/intervista-a-nicola-ciraci-sul-forum-lafrica-e-la-cooperazione-sud-sud

Cliccare sul link in alto per sentire l’intervista.

Nicola Ciracì (Presidente del Gruppo di amicizia parlamentare Italia – Regno del Marocco) fa parte della delegazione italiana che partecipa al Forum de Crans Montana a Daklha, nel sud del Marocco, dal titolo “L’Africa e la cooperazione Sud-Sud”.

“Intervista a Nicola Ciracì sul Forum “L’Africa e la cooperazione Sud – Sud”” realizzata da Sonia Martina con Nicola Ciracì (deputato).

L’intervista è stata registrata venerdì 16 marzo 2018 alle 12:51.

Nel corso dell’intervista sono stati discussi i seguenti temi: Africa, Agricoltura, Alimentazione, Ambiente, Cooperazione, Donna, Esteri, Immigrazione, Marocco, Mediterraneo, Politica, Sicurezza, Unione Europea.

La registrazione audio ha una durata di 10 minuti.

20 dicembre 2017 Comments are off admin

Negin

 

 

 

 

 

«Ho avuto il piacere di riscontrare una comunità d’intenti con l’ambasciatore dell’Afghanistan in Italia, Waheed Omer, sul fatto di ospitare qui
da noi in Italia la giovane musicista afghana Negin Khpalwak, la cui storia è giusto sia conosciuta e raccontata quale esempio di libertà e di
cultura».
Lo dichiara l’onorevole Nicola Ciracì (Conservatori e Riformisti) a margine della conferenza stampa tenutasi ieri alla Camera dei Deputati per
presentare l’iniziativa “Sosteniamo Negin Khpalwak: donna simbolo di amore per la libertà e per la musica”.
«Crediamo davvero che questa occasione – aggiunge – accolta trasversalmente con entusiasmo da colleghi nazionali ed europarlamentari
possa avere un seguito, con il contributo del ministro della Pubblica istruzione e della presidente della Camera Boldrini».

«L’idea emersa ieri – spiega Ciracì – è quella di ospitare, magari in un concerto proprio qui alla Camera, Negin e le ragazze della “Zohra
Orchestra” dell’Afghanistan National Institute for Music Women, da lei diretta. Un progetto a cui tengo, e a cui spero farà seguito anche un più
ampio gemellaggio simbolico fra i conservatori italiani e quelli afghani, perché credo che queste iniziative possano ambire non solo ad
avvicinare due mondi, in apparenza così distanti, ma soprattutto contribuire a far riscoprire il valore della libertà e dell’uguaglianza di diritti, di
cui l’arte e la musica in particolare sono massima espressione».

Alla conferenza stampa hanno preso parte anche il prof. On. Luigi Berlinguer, presidente del Comitato nazionale per l’apprendimento pratico
della Musica e del Comitato per lo sviluppo della Cultura scientifica e tecnologica, e il prof. Giovanni Cannata, rettore dell’Universitas
Mercatorum e presidente della Conferenza dei Presidenti dei Conservatori di Musica italiani.

15 novembre 2017 Comments are off admin

DI. Ciracì, Lippolis e Zaccaria: ” Sanità pugliese allo sfascio, ormai manca tutto”

BRINDISI – “È insopportabile e del tutto ingiustificata la disattenzione del governatore Emiliano nei confronti della Sanità brindisina, oggi come non mai ridotta allo stremo: questi qua tagliano nastri e brindano senza però accorgersi che hanno ridotto il settore sanitario a una sorta di camposanto, con Tac non funzionanti, lunghissime liste d’attesa, reparti del Perrino come quello di Neurochirurgia che da tre anni sono dei cantieri, pochissimi posti letto, il bando del Centro risvegli che ancora non esiste, solo 280 posti per Rsa con consequenziale pregiudizio per il diritto alla salute degli anziani…” ha dichiarato, tra le altre cose, l’onorevole Nicola Ciracì di Direzione Italia, che ha tenuto una conferenza stampa fuori dall’ospedale ‘Antonio Perrino’ di Brindisi, accompagnato dal vice coordinatore provinciale Romeo Lippolis e dal responsabile provinciale Sanità di Direzione Italia Angelo Zaccaria.

“Era anche ora” ha affermato Lippolis “che tutte le sigle sindacali sanitarie, con in testa i medici di base, si svegliassero ed è per questo che noi eravamo e resteremo al loro fianco in questa protesta che il prossimo 10 novembre sfocerà nella manifestazione fuori dal palazzo della Regione Puglia a Bari. Uno dei simboli del fallimento del presidente-assessore Emiliano è certamente la chiusura dell’eccellente reparto di Nefrologia a Francavilla Fontana, con la conseguenza che nell’intera provincia ora ci sono soltanto 20 posti a disposizione dei dializzati”.

Così, invece, Zaccaria: “Trovo e troviamo assurdo che si continui a tagliare sulla sanità brindisina con la costante diminuzione di servizi per i cittadini-utenti: mancano gli anestesisti e le promesse di Osservazione breve, di Cardiologia e Pediatria a Ostuni si sono rivelate semplicemente dei palliativi, mentre i reparti chiudono per non riaprire più, i posti letto spariscono e i pronto soccorso sono intasati. Mai si era caduti così in basso”.

30 dicembre 2016 Comments are off admin

Tour della sanità, l’On. Ciracì a Ostuni, Ceglie e Francavilla: «Emiliano, basta tagli!»

Quest’oggi, l’On. Nicola Ciracì e il capogruppo dei Conservatori e Riformisti nel Consiglio regionale della Puglia, Ignazio Zullo, hanno inaugurato il tour della sanità in alcuni dei presìdi ospedalieri che potrebbero essere falcidiati dai tagli indiscriminati del piano di cosiddetto riordino della Giunta Emiliano. In particolare, il deputato e il consigliere regionale hanno effettuato dei sopralluoghi in quel di Ostuni – accogliendo l’invito del sindaco Gianfranco Coppola – e poi anche a Ceglie Messapica e a Francavilla Fontana.

Prima tappa – Ostuni

Con il primo cittadino Coppola, che ha fatto parte della delegazione anche in seguito, Ciracì e Zullo hanno visitato l’ospedale civico di Ostuni, che necessiterebbe di un pronto soccorso all’altezza delle oggettive esigenze della Città Bianca, che ormai da diversi anni è una delle realtà turistiche più gettonate dell’intera Penisola. Inoltre – stando a quanto emerso dagli incontri con i dirigenti e il personale ospedalieri – sarebbe necessario attivare il reparto di Pneumologia e salvaguardare i reparti storici di Cardiologia e Pediatria, a rischio soppressione e, in realtà, indispensabili per l’intero territorio.

Seconda tappa – Ceglie Messapica

«Qui – dichiara Ciracì – abbiamo incontrato una delegazione del Comitato per la salvaguardia del locale presidio ospedaliero e la direzione sanitaria del “Neurolesi e Motulesi”.  In questa sede – aggiunge – io e il capogruppo Zullo abbiamo assunto l’impegno concreto di vigilare e fare tutto quanto nelle nostre possibilità affinché sia realizzato, al di là del luogo ma con immediatezza, il “Centro Risvegli”, e sia riattivato presso il “Neurolesi” il codice per “Mielolesi”, riportando la struttura sui canoni di eccellenza ed efficienza che merita».

Terza tappa – Francavilla Fontana

Nella Città degli Imperiali il problema maggiore corrisponde al reparto di Nefrologia, come confermato dagli stessi operatori sanitari. Il numero di posti in provincia di Brindisi non soddisferebbe il fabbisogno di assistenza qualora l’eccellente servizio di Francavilla fosse soppresso e, dunque, si rende più che mai opportuno, anzi: necessario, battersi strenuamente per scongiurarne la chiusura.

I prossimi impegni

Il 9 gennaio, il parlamentare dei CoR incontrerà nel capoluogo di provincia il direttore generale della Asl di Brindisi Giuseppe Pasqualone, cui farà presenti le deficienze e le esigenze emerse nel corso del tour, e il successivo 13 gennaio, a Bari, diversi consiglieri regionali in compagnia di una delegazione di operatori dei settori e dei reparti interessati dalla scure del “riordino” (o disordino?) per formalizzare l’impegno a difesa dei territori e, soprattutto, della salute di tutti i pugliesi.

Qui il video:

21 dicembre 2016 Comments are off admin

La corsa alle provinciali: «La nostra è una grande lista: parità di genere e territorio equamente rappresentato»

E’ stata presentata a Brindisi la lista “Terra di Brindisi” che concorrerà per il rinnovo del Consiglio provinciale. Ne fanno parte consiglieri comunali dei Conservatori e Riformisti, di Noi Centro, dell’Unione di Centro e di Fratelli d’Italia.

«Abbiamo realizzato con il contributo di tanti amministratori – dichiara l’onorevole Nicola Ciracì (CoR) tra i promotori dell’intesa – una lista per le elezioni provinciali che rispetta la parità di genere, con sei uomini e sei donne, che rispetta in maniera proporzionale il Sud, il Nord del territorio e lo stesso capoluogo, una lista senza inciuci e del tutto alla luce del sole che, malgrado i danni causati dal PD di Renzi con la legge Delrio, avrà come primo impegno la tutela dei lavoratori della Santa Teresa e di tutti i dipendenti dell’ente. Ribadisco lo sconcerto per la svendita di Forza Italia al PD, fatto che sta provocando indignazione all’interno di ambedue le forze politiche. Inoltre, un PD che presenta una lista composta da 11 uomini più una candidatura fuori tempo massimo sono il segno di come Bruno abbia ridotto il suo partito e purtroppo l’ente che gestisce».

 
Di seguito tutti i componenti di “Terra di Brindisi”
 
1) Pasquale Santoro, Ceglie Messapica, 30/5 /1970
2) Christian Continelli, Ostuni, 17/5/1977
3) Antonio Antonucci, San Pietro Vernotico, 20/6/1979
4) Giovanni Bruno, Latiano, 23/12/1972
5) Marina Miggiano, Pisa, 1/5/1968
6) Lelio Lolli, San Donaci, 8/3/1964
7) Serena Lucia Missere, Francavilla Fontana, 15/12/1979
8) Pino Trinchera, Torino, 14/4/1971
9) Maria Zigrino, Martina Franca, 24/2/1971
10) Maria Rollo, Brindisi, 13/3/1968
11) Lucia Trinchera, Ceglie Messapica, 7/9/1979
12) Luigia Albanese, Fasano, 1/2/1960
21 dicembre 2016 Comments are off admin

Sgombero del “Ferrohotel”, soddisfatto l’On. Ciracì: «Lo stato s’è desto»

È in corso proprio in questi minuti a Brindisi un’operazione coordinata di polizia, carabinieri, guardia di finanza e vigili urbani di Brindisi – con personale della Multiservizi e di Ecologica al seguito – per lo sgombero e la bonifica dell’ex ostello ferroviario “Ferrohotel”, da tempo trasformato nel rifugio improvvisato e pericolosissimo di decine e decine di senzatetto, perlopiù migranti. «Lo Stato s’è desto», commenta a caldo l’On. Nicola Ciracì (CoR), che in più occasioni aveva sollevato la questione nell’ambito del suo “tour per la sicurezza del cittadino e l’efficienza delle forze dell’ordine”.

L’ultimo suo sollecito solo qualche giorno fa, quando il deputato ha incontrato il nuovo questore, Maurizio Masciopinto, e il prefetto di Brindisi, Annunziato Vardè. Dopo che saranno usciti e identificati tutti gli occupanti, l’immobile sarà ripulito e, successivamente, murato per impedirne in futuro nuove occupazioni abusive. Nei mesi passati, i controlli avevano riguardato il dormitorio di via Provinciale San Vito, sempre nel capoluogo.

«Non posso che dichiararmi soddisfatto – dichiara Ciracì – per aver smosso le coscienze e posto fine a un’indolenza durata per troppi anni: finalmente lo Stato si è risvegliato e ha deciso di far sentire, vedere e toccare con mano la propria presenza sul territorio, e per questo ringrazio le Autorità locali e le forze dell’ordine per avermi ascoltato e, ovviamente, per la tempestività dell’attività in corso».

«Ora però non bisogna abbassare la guardia – ammonisce, concludendo – ed è necessario continuare a vigilare affinché situazioni simili, d’innegabile degrado sociale e di rischio concreto per la salute e l’incolumità delle persone, non si ripetano mai più».

21 dicembre 2016 Comments are off admin

Il caso “Santa Teresa” in Parlamento: Ciracì deposita interrogazione parlamentare

L’On. Nicola Cracì ha presentato quest’oggi un’interrogazione urgente al ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali sul caso “Santa Teresa Spa”, l’azienda in house della Provincia di Brindisi i cui dipendenti rischiano di essere licenziati in blocco entro il 31 dicembre e in questi giorni impegnati in vibranti e decise proteste d fronte a una simile eventualità che, col trascorrere del tempo, si fa sempre più imminente e, purtroppo, concreta.

«Domani, come Deutato della Repubblica Italiana, sarò al fianco dei lavoratori nel corteo che partirà da piazza Cairoli e si snoderà per le strade della città di Brindisi, poiché ritengo inaccettabili i silenzi del Governo, della Regione Puglia, della Task Force regionale e dello stesso presidente della Provincia di Brindisi, su una questione drammatica che riguarda 120 famiglie brindisine. Stamane, insieme all’On. Rocco Palese, abbiamo presentato una interrogazione parlamentare urgente poiché riteniamo che il nuovo Governo e il Ministro che si occupa delle questioni relative al Mezzogiorno, debbano intervenire con immediatezza trovando soluzioni reali e immediate alla disastrosa situazione venutasi a creare a causa delle riforme Delrio e Madia targate Partito Democratico», dichiara il parlamentare di CoR.

16 dicembre 2016 Comments are off admin

SGOMBERO DEL FERRO HOTEL. LA SODDISFAZIONE DELL’ON. CIRACI’: “LO STATO S’E’ DESTO” – GALLERY FOTOGRAFICA

È in corso in queste ore a Brindisi un’operazione coordinata di polizia, carabinieri, guardia di finanza e vigili urbani di Brindisi – con personale della Multiservizi e di Ecologica al seguito – per lo sgombero e la bonifica dell’ex ostello ferroviario “Ferrohotel”, da tempo trasformato nel rifugio improvvisato e pericolosissimo di decine e decine di senzatetto, perlopiù migranti. «Lo Stato s’è desto», commenta a caldo l’On. Nicola Ciracì (CoR), che in più occasioni aveva sollevato la questione nell’ambito del suo “tour per la sicurezza del cittadino e l’efficienza delle forze dell’ordine”.

L’ultimo suo sollecito solo qualche giorno fa, quando il deputato ha incontrato il nuovo questore, Maurizio Masciopinto, e il prefetto di Brindisi, Annunziato Vardè.

Dopo che saranno usciti e identificati tutti gli occupanti, l’immobile sarà ripulito e, successivamente, murato per impedirne in futuro nuove occupazioni abusive.

Nei mesi passati, i controlli avevano riguardato il dormitorio di via Provinciale San Vito, sempre nel capoluogo.

«Non posso che dichiararmi soddisfatto – dichiara Ciracì – per aver smosso le coscienze e posto fine a un’indolenza durata per troppi anni: finalmente lo Stato si è risvegliato e ha deciso di far sentire, vedere e toccare con mano la propria presenza sul territorio, e per questo ringrazio le Autorità locali e le forze dell’ordine per avermi ascoltato e, ovviamente, per la tempestività dell’attività in corso».

«Ora però non bisogna abbassare la guardia – ammonisce, concludendo – ed è necessario continuare a vigilare affinché situazioni simili, d’innegabile degrado sociale e di rischio concreto per la salute e l’incolumità delle persone, non si ripetano mai più».

14 dicembre 2016 Comments are off admin

L’on. Ciracì riprende il tour per la sicurezza ed incontra questore e prefetto

L’onorevole Nicola Ciracì (Conservatori e Riformisti) ha ricominciato, ieri, il suo tour per la sicurezza del cittadino e l’efficienza delle forze dell’ordine. Il deputato ha incontrato sia il nuovo questore di Brindisi, dottor Maurizio Masciopinto, sia – ancora una volta – il prefetto di Brindisi Annunziato Vardè. Al questore Ciracì ha testimoniato l’efficienza e l’eccellenza di tutte le forze dell’ordine del Brindisino e, in particolare, del personale dell’Ufficio Immigrazione della Questura, che riesce a fronteggiare in modo egregio, il fenomeno oramai grave dei flussi migratori sul territorio.
Il parlamentare ha ovviamente augurato buon lavoro a Masciopinto, cui ha poi illustrato il suo punto di vista sulla situazione in tema di legalità e sicurezza nell’intero territorio provinciale. Dopo il questore, Ciracì ha incontrato Sua Eccellenza il prefetto di Brindisi. «Il dottor Vardè mi ha assicurato – dichiara l’esponente dei CoR – che entro metà gennaio 2017 saranno finalmente collaudate e consegnate le telecamere di sorveglianza di Brindisi città. Si riscontrano problemi – aggiunge – per quanto riguarda il monitoraggio degli apparecchi in tutti i comuni della provincia, a partire da Ceglie Messapica, dove solo a seguito di recenti fatti criminosi si è riscontrato il mancato funzionamento anche a causa di un Comune latitante».
«Sulla questione Ferrohotel – prosegue Ciracì – ho ricevuto rassicurazioni da Sua Eccellenza, che si è inoltre impegnato a portare tra i punti all’ordine del giorno del prossimo Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica i problemi della prostituzione lungo le strade statali e dei parcheggiatori abusivi nelle aree parcheggio dei centri commerciali». Al prefetto l’On. Ciracì ha anche rivolto i complimenti per la brillante operazione condotta ieri dai carabinieri, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Lecce.
I prossimi giorni, anche per via dell’avvicinarsi delle festività, vedrà un maggiore impegno da parte di tutte le forze dell’ordine presenti sul territorio, tanto a scopo preventivo quanto repressivo. Tanto è stato assicurato da questore e prefetto.
29 novembre 2016 Comments are off admin

Io dalla parte della musica, il Governo no

Ricevo e pubblico un messaggio di Assomusica.

“Egregio Onorevole,

apprendo or ora dell’anomala seduta che si è conclusa in Commissione Bilancio, votando il mandato al Relatore senza finire l’esame degli emendamenti tra cui quello che lei aveva presentato, e anche segnalato, sull’armonizzazione dell’IVA per gli spettacoli dal vivo.

Sono stati giorni frenetici, ma sono stato davvero colpito – in maniera favorevole – dalla sua tenacia nel sostenere l’emendamento e per la collaborazione nel portare avanti la proposta e sollecitare gli Uffici competenti (soprattuto, il MEF che non ha avuto una condotta specchiata).

Non è stato semplice, ma Assomusica resta convinta della bontà della proposta e proseguirà questa sfida al Senato, per ora la pregherei di accettare il mio più sincero apprezzamento per quanto lei e il suo staff avete voluto fare per l’Associazione che mi onoro di presiedere. Per lei il grazie è ancora più sentito dato che ha abbracciato con slancio la proposta di Assomusica, senza che ci fossimo mai presentati, proprio per questo mi auguro di fare la sua conoscenza quanto prima.

Cordialmente, Vincenzo Spera.”